Vai al contenuto principale Passa al piè di pagina

L'industria da 15 miliardi di dollari costruita sui premi casuali

Perché mi sono preoccupato delle Loot Boxes e degli effetti potenzialmente dannosi sui giocatori più giovani

Il brivido di avvicinarsi a una Loot Boxes è una sensazione che molti giocatori cercano, ma è accompagnato da crescenti preoccupazioni. Le Loot Boxes sono solo un modo per ottenere ricompense o sono una forma mascherata di gioco d'azzardo?

Questo dibattito ha generato polemiche e alcuni Paesi hanno preso provvedimenti. Questo articolo esplora le analogie tra le Loot Boxes e il gioco d'azzardo e il loro impatto sui giocatori, oltre a chiedere norme più severe per proteggere i giocatori più vulnerabili.

Perché i giocatori acquistano le Loot Boxes?

Il fascino delle Loot Boxes, note anche come gacha, che si riferisce alle macchine giocattolo giapponesi in capsule, deriva dalla loro capacità di fornire ai giocatori queste esperienze desiderabili: miglioramenti del gameplay, il brivido dell'ignoto e la pressione della "paura di perdersi" (FOMO).

I Loot Boxes sono un modo per i giocatori di ottenere oggetti ricercati nel gioco, come armi rare, skin uniche per i personaggi e miglioramenti esclusivi del gameplay. Questo concetto, che si ritrova negli sparatutto come le scatole di armi, nei giochi di carte come i booster pack e nelle battle royales come i loot drop a forma di lama, soddisfa il desiderio di ottenere ricompense preziose che cambiano il gioco.

Ma c'è una fregatura: le Loot Boxes generalmente contengono oggetti di varia rarità, con quelli più desiderabili che appaiono molto meno spesso. Questa scarsità deliberata alimenta l'eccitazione della caccia, tenendo i giocatori attaccati alla possibilità di scoprire quell'oggetto che cambia il gioco.

In che modo le Loot Boxes sono simili ai giochi d'azzardo?

Le scatole di bottini e i giochi d'azzardo hanno in comune caratteristiche importanti che sollevano preoccupazioni su un possibile disagio, soprattutto per i giocatori più giovani.

  • Elemento di probabilità - I giocatori non sanno con certezza cosa otterranno quando acquistano Loot Boxes o partecipano ad attività di gioco. Questa imprevedibilità crea un senso di eccitazione e anticipazione, simile a quello che si prova acquistando un biglietto della lotteria o giocando a una slot machine. Ma a differenza di alcuni giochi d'azzardo, in cui i giocatori possono influenzare le loro probabilità, le Loot Boxes hanno generalmente percentuali di vincita non rivelate o probabilità opache, rendendo difficile per i giocatori determinare il valore reale del loro acquisto.

 

  • Soldi veri in gioco - I Loot Boxes e i giochi d'azzardo comportano la spesa di valuta reale o di gioco per vincere oggetti di valore all'interno del gioco. Questo solleva preoccupazioni per i giocatori che non sono consapevoli dei rischi o dei potenziali spese eccessive. A differenza dei tradizionali giochi d'azzardo, i premi delle Loot Boxes sono limitati all'ambiente di gioco e non possono essere convertiti istantaneamente in denaro.

 

  • Similitudini psicologiche- Sia le Loot Boxes che il gioco d'azzardo causano danni, soprattutto ai giocatori più giovani. La natura imprevedibile delle Loot Boxes può creare una miscela di emozioni, dall'eccitazione alla frustrazione. Sebbene ricevere un oggetto desiderato possa essere gratificante, la mancanza di una ricompensa garantita lascia spesso i giocatori delusi e tentati di continuare a spendere in cerca di maggiore fortuna. Questo ciclo ripetitivo può portare a una dipendenza psicologica, molto simile a quella del gioco d'azzardo tradizionale.

 

  • Mancanza di trasparenza- A differenza dei casinò, dove le probabilità sono di solito chiaramente visualizzate, le percentuali di ottenimento di oggetti preziosi nelle Loot Boxes possono essere oscurate o completamente nascoste. Questa mancanza di trasparenza rende difficile per i giocatori valutare il costo reale dell'acquisizione di un oggetto desiderato, alimentando il ciclo di spesa nella speranza di essere fortunati.

 

  • Offerte a tempo limitato e FOMO- I giochi hanno Loot Boxes e oggetti esclusivi per un tempo limitato, creando urgenza e FOMO per spingere i giocatori ad acquistarli. Questa strategia assomiglia alle tattiche dei casinò che utilizzano promozioni a tempo limitato per incoraggiare un maggior numero di giocate.

 

  • Manipolazione delle mancanze - Le Loot Boxes mostrano le mancanze, facendo sentire i giocatori vicini all'ottenimento di oggetti rari e incoraggiandoli a spendere di più. Questo sfrutta la "avversione alla perdita" o la sensazione di perdere più che di vincere. Le slot machine sfruttano anche le mancate vincite per mantenere i giocatori impegnati e speranzosi.

 

  • Meccaniche pay-to-win: Il gameplay pay-to-win legato alle Loot Boxes costringe i giocatori a spendere denaro reale per rimanere competitivi, in modo simile ai giochi d'azzardo.

Riconoscere queste somiglianze ci aiuta a capire perché le Loot Boxes sollevano spesso preoccupazioni sugli effetti dannosi, soprattutto per i bambini che possono essere più suscettibili al brivido del caso e alla pressione di stare al passo con gli amici nei giochi online.

Il dibattito in corso sulle Loot Boxes e sul ruolo di enti regolatori come la Gambling Commission mette in luce le complessità della monetizzazione in-game e il suo possibile impatto sui giocatori.

 

Impatto finanziario delle Lootbox sui giocatori

 

credito d'immagine: Statista

 

Oltre agli ovvi parallelismi tra Loot Boxes e gioco d'azzardo, è anche essenziale riconoscere il crescente impatto che hanno sul benessere finanziario dei giocatori.

La comunità di gioco globale consiste attualmente in circa 3,09 miliardi di persone coinvolte attivamente nei videogiochi. Si prevede che questo numero raggiungerà circa 3,32 miliardi di persone in tutto il mondo entro il 2024.

Nel Regno Unito, il totale provvisorio dei ricavi da scommesse e giochi durante l'anno fiscale 2023-2024, da aprile a marzo, è di 3.389 milioni di sterline. Questa cifra rappresenta un aumento di 86 milioni di sterline (3%) rispetto al periodo corrispondente dell'anno finanziario precedente.

Il dottor David Zendle e il dottor Paul Cairns hanno condotto una ricerca che evidenzia un legame significativo tra la spesa per le Loot Boxes e i problemi di gioco. Non si può dire con certezza se le Loot Boxes causino problemi di gioco o viceversa, ma il collegamento è preoccupante. Lo studio sottolinea il rischio di sviluppare comportamenti di dipendenza e altri effetti psicologici negativi.

Questo richiede una regolamentazione più severa sulle Loot Boxes e suggerisce restrizioni di età e la possibilità di classificare le Loot Boxes come una forma di gioco d'azzardo per sottoporle a una supervisione più severa.

Tuttavia, l'impatto delle Loot Boxes sui giocatori va oltre l'aspetto finanziario. Ha colpito in particolare uno dei gruppi più vulnerabili, i bambini.

 

Quanto guadagnano gli sviluppatori di videogiochi con le Loot Boxes?

Uno studio condotto da Tomomichi Amano e Andrey Simonov ha fatto luce sul lato finanziario delle Loot Boxes. Secondo loro, le Loot Boxes generano ben 15 miliardi di dollari all'anno di entrate, una parte significativa delle quali proviene da un piccolo gruppo di giocatori che spendono molto, noti come "balene".

I ricercatori propongono che l'implementazione di limiti di spesa potrebbe rispondere alle preoccupazioni normative e offrire protezione ai consumatori, soprattutto per questi giocatori che spendono molto. Tuttavia, sottolineano anche l'importanza di trovare un equilibrio tra la regolamentazione e la soddisfazione dei consumatori, nonché l'impatto sui ricavi delle società di gioco.

Come le Loot Boxes influenzano i giovani

Gli acquisti all'interno del gioco, come le Loot Boxes, rappresentano un rischio significativo per i bambini e i giovani, secondo un nuovo rapporto degli accademici delle Università di Newcastle e Loughborough. Lo studio, intitolato "Between Gaming and Gambling: Children, Young People, and Paid Reward Systems in Games", condotto dal Dr. James Ash, dalla Dr.ssa Rachel Gordon e dalla Dr.ssa Sarah Mills, ha intervistato 42 famiglie e osservato il gioco per indagare sull'impatto delle Loot Boxes.

Spesso i bambini hanno difficoltà a capire il valore delle valute del gioco e del denaro del mondo reale, il che porta a decisioni di spesa sbagliate. Inoltre, la natura seducente e collezionabile dei premi Loot Boxes può incoraggiare acquisti ripetuti, che potenzialmente superano i budget previsti.

Lo studio suggerisce che gli sviluppatori di giochi manipolano i giocatori, soprattutto i bambini, per indurli a spendere di più. Questo, unito alla casualità delle Loot Boxes, può portare a frustrazione e delusione, incidendo sul benessere emotivo del bambino.

Regolamenti mondiali sulle Loot Boxes

Quante altre vite di bambini saranno colpite prima che i governi di tutto il mondo prendano provvedimenti?

Alcuni Paesi non hanno implementato normative specifiche sulle Loot Boxes, mentre altri hanno compiuto un forte sforzo per proteggere il gruppo demografico più vulnerabile. Ecco uno sguardo all'attuale scenario globale:

Belgio e Paesi Bassi

Belgio e Paesi Bassi hanno intrapreso l'azione più decisa, implementando divieti completi sulle Loot Boxes a causa della loro classificazione come gioco d'azzardo. Ciò significa che questi Paesi vietano la vendita di Loot Boxes nei giochi, indipendentemente dal fatto che possano essere acquistate con denaro reale o con valuta di gioco.

Cina

La Cina ha implementato alcune delle normative più complete al mondo in materia di Loot Boxes, riflettendo la sua preoccupazione per i possibili comportamenti simili al gioco d'azzardo che potrebbero incoraggiare. Queste norme mirano ad aumentare la trasparenza e a limitare le spese:

  • I giocatori non possono acquistare le Loot Boxes direttamente con la valuta reale o virtuale del gioco, eliminando l'elemento "pay to win".
  • Gli sviluppatori devono garantire che gli oggetti ottenuti tramite Loot Boxes possano essere acquisiti anche con altri mezzi, consentendo ai giocatori di progredire senza affidarsi alla fortuna. Sono vietate le meccaniche che creano spese forzate e le possibilità di ottenere oggetti specifici nelle Loot Boxes devono essere pubblicizzate e precise.
  • Un registro dei risultati delle Loot Boxes degli ultimi 90 giorni deve essere disponibile pubblicamente. I giochi con Loot Boxes devono mostrare un chiaro contatore all'interno del gioco per consentire ai giocatori di tenere traccia del limite giornaliero rimanente per l'apertura delle scatole, e la Cina stabilisce limiti al numero totale di scatole che un giocatore può aprire.

Australia

L'Australia ha compiuto un recente passo verso la regolamentazione delle Loot Boxes, con l'obiettivo di proteggere i consumatori e affrontare le preoccupazioni relative alle meccaniche di gioco d'azzardo nei videogiochi. Le nuove leggi, attuate nel settembre 2023, si concentrano sulla classificazione: M-Rating for Loot Boxeses. I giochi che contengono acquisti in-game legati al caso, incluse le Loot Boxes, saranno ora classificati come M-Rating. Ciò significa che sono raccomandati per i giocatori dai 15 anni in su, ma non sono legalmente limitati per il pubblico più giovane.

La classificazione funge da avvertimento per i genitori, informandoli sui giochi con Loot Boxes in modo che possano prendere decisioni informate per i loro figli. Le norme australiane differiscono dall'approccio più severo della Cina. La classificazione M è uno strumento prezioso per informare i genitori e influenzare lo sviluppo dei giochi.

STATI UNITI D'AMERICA

Gli USA presentano un quadro complesso. Non esistono regolamenti federali sulle Loot Boxes, ma alcuni Stati stanno valutando delle opzioni. L'industria del gioco d'azzardo ha proposto misure di autoregolamentazione, come le limitazioni di età e la divulgazione delle quote, ma l'efficacia di queste misure è ancora oggetto di dibattito.

Con l'evolversi della tecnologia e delle abitudini dei consumatori, il dibattito sulla regolamentazione delle Loot Boxes è destinato a continuare, con un numero sempre maggiore di Paesi che potrebbero implementare nuove misure per proteggere i giocatori.

 

Raccomandazioni per un gioco responsabile per i minori

I genitori possono decidere con cognizione di causa se i contenuti dei videogiochi sono adatti ai loro figli controllando le classificazioni per età riportate sulle scatole dei giochi o sugli elenchi dei negozi digitali. Queste classificazioni, che tengono conto dell'età e del livello di maturità, sono essenziali per garantire un'esperienza di gioco sicura e piacevole.

È importante che i genitori considerino attentamente queste classificazioni e scelgano giochi in linea con le linee guida di età raccomandate:

ESRB (Entertainment Software Rating Board)

  • EC (Early Childhood) - Adatto dai 3 anni in su.
  • E (Tutte le persone) - Adatto a tutte le età.
  • E10+ (Tutti a partire dai 10 anni) - Consigliato a partire dai 10 anni.
  • T (Teenager) - Adatto a partire dai 13 anni.
  • M (Mature) - Consigliato ai maggiori di 17 anni.
  • AO (Adults Only) - Rivolto agli adulti a partire dai 18 anni.

PEGI (Pan-European Games Information)

  • 3+ - Adatto ai bambini dai 3 anni in su.
  • 7+ - Adatto a partire dai 7 anni.
  • 12+ - Consigliato a partire dai 12 anni.
  • 16+ - Consigliato ai maggiori di 16 anni.
  • 18+ - Destinato solo agli adulti.

ACB (Australian Classification Board)

  • G - Adatto a tutte le età.
  • PG - Si raccomanda la guida dei genitori.
  • M - Consigliato per un pubblico adulto.
  • MA 15+ - Adatto ai maggiori di 15 anni.
  • R 18+ - Riservato agli adulti a partire dai 18 anni.

Oltre a queste classificazioni per età, ecco altre raccomandazioni per i genitori:

  • Parlate con vostro figlio dei rischi del gioco e delle vostre preoccupazioni. Proteggete le password e supervisionate i download per la loro sicurezza online.
  • Valutate i giochi di vostro figlio per verificarne l'idoneità e l'allineamento con l'età o la maturità per prendere decisioni informate sui contenuti.
  • Monitorare le transazioni con carta di credito per evitare spese inaspettate, identificare gli addebiti non contabilizzati e prendere le misure necessarie.
  • Incoraggiate vostro figlio a dedicarsi a vari hobby e attività per mantenere uno stile di vita sano ed equilibrato.

Infine, sostenete la necessità di giochi più sicuri condividendo le vostre aspettative con gli sviluppatori e le autorità. Il vostro contributo come tutori aiuta a migliorare le misure di sicurezza e le normative sul gioco.

 

La domanda da 15 miliardi di dollari: regolamentare o non regolamentare?

Le Loot Boxes presentano un'inquietante somiglianza con il gioco d'azzardo, con la spesa di denaro reale e con le tecniche di manipolazione psicologica. Il mondo è diviso sull'opportunità di regolamentare o meno le Loot Boxes.

Sebbene alcuni possano sostenere che una regolamentazione più severa potrebbe soffocare l'innovazione nel settore dei giochi, suggerisco che le autorità di regolamentazione prendano in considerazione modelli di monetizzazione alternativi che non sfruttino i giocatori. Ciò potrebbe comportare l'offerta di un gioco di base equo e bilanciato, senza fare eccessivo affidamento sugli acquisti in-game per progredire o competere.

Inoltre, le normative possono essere concepite in modo tale da colpire le principali caratteristiche di sfruttamento delle Loot Boxes, consentendo una continua innovazione in altre aree degli acquisti in-game. A lungo termine, gli sviluppatori che danno priorità a un'esperienza positiva per i giocatori saranno in grado di prosperare.

Proteggere i giocatori vulnerabili dalle pratiche predatorie di Loot Boxesing è più importante che preoccuparsi di danneggiare l'industria del gioco.

L'autore

Angel Cabal

Ex calciatore del Real Oviedo Football Club e appassionato di casinò di lunga data con una profonda conoscenza dell'industria dell'iGaming. Sono costantemente alla ricerca degli ultimi bonus, sfruttando i miei oltre 10 anni di esperienza per massimizzare i vostri profitti di gioco.